Biografia

Elisabetta La Rosa nasce a Roma il 30 dicembre 1993. La passione per la storia dell'arte la accompagna sin dalle superiori e nel 2013 intraprende il percorso di studi in storia dell'arte laureandosi nel 2016 in Beni
Culturali e, successivamente, conseguendo la laurea specialistica in Storia dell'Arte.
Nel febbraio 2019 ha pubblicato il suo primo articolo sul magazine online Twikie: una recensione sulla mostra "Dream. L'arte incontra i sogni" al Chiostro del Bramante.
Intitola la sua pagina Instagram "Una ragazza ad arte" partendo dall'idea di voler portare l'arte a chiunque, anche nel mondo social, con l'ausilio delle foto racconta la storia di un luogo storico-artistico o di una mostra interessante, fino a realizzare una galleria d'arte social.
Dal mese di maggio 2019 fa parte del team di redattori della testata giornalistica Artwave.
Nel mese di luglio 2019 si è specializzata in curatela di mostre presso il MAXXI di Roma.
Da settembre 2019 a marzo 2020 è stata curatore d'arte presso il Centro Arte di Castel Gandolfo(RM), dove si è occupata di progettazione e allestimento di mostre.
Di importante rilevanza è stata la mostra, nel mese di ottobre 2019, "Equilibrio e follia" presso il Museo Umberto Mastroianni di Marino(RM).
Il 22 novembre 2019 ha preso parte, in qualità di relatore, al convegno internazionale, presso Palazzo Braschi a Roma, "Leonardo nel Seicento".
Nel mese di dicembre 2019 è stata una delle curatrici del catalogo della mostra Visioni, dell'artista Italo-tedesca Federica Scoppa.
Nello stesso mese cura la mostra d'arte sacra "L'anima del sacro" presso la Cripta della chiesa di San Tommaso da Villanova, progettata da Gianlorenzo Bernini.
A gennaio 2020, presso il Centro Arte di Castel Gandolfo, è stata curatore della mostra Recycle-L'anima della natura- con l'intento di richiamare la problematica dell'inquinamento ambientale.
Nel marzo 2020 a causa della problematica del Coronavirus, avvertendo il forte impulso di far continuare a vivere l'arte anche in un momento così delicato per il mondo, ha ideato le "Virtual Art Exhibition": esposizioni virtuali dove centrale è il commento critico alle opere in mostra.
Nel mese di Aprile 2020 ha avuto il piacere di intervistare l'artista Josè Van Roy Dalì, figlio del padre del Surrealismo Salvador Dalì.
A maggio 2020 conosce Clara Woods, la giovane artista nata con una disabilità e che si esprime mediante le sue opere d'arte, Elisabetta decide di supportare il progetto di questa giovane artista dedicandole un video della rubrica su YouTube Aperitivo con Artista.
A giugno 2020 ha avuto il piacere di conoscere ed intervistare il Maestro Internazionale di Spatola Stratigrafica Mario Salvo, che affianca nella selezione di artisti per il magazine d'arte ExpoArt e di cui è l'Art Manager. Il 10 luglio 2020 presso la Galleria Area Contesa Arte in Via Margutta è intervenuta come critica d'arte nella presentazione della mostra "Cromatismi" di Mario Salvo.
Il 29 e 30 agosto 2020 è intervenuta in qualità di giurata esperta d'arte la mostra estemporanea nazionale "Extemporamnia", di Teramo.
Dal 28 settembre all'11 ottobre ha collaborato con ArteDesign di Milano, in qualità di Art Selector, in occasione della mostra L'arte che tutto può.
Ha inoltre avviato una collaborazione in qualità di critico d'arte con la Galleria Monogramma sita in Via Margutta (Roma).
Nel settembre 2020 da vita al magazine online ArtBreath, dedicato al mondo dell'arte con particolare attenzione alle grandi mostre e agli artisti noti ed emergenti.
Dal mese di Ottobre 2020 fa parte della commissione Curatori Internazionali dell'Atlante dell'arte edito dalla DeAgostini.
Nel mese di Dicembre 2020 l'ISPETTORATO OPRA ha pubblicato la biografia di Elisabetta La Rosa nel fascicolo n.1992, Dicembre 2020. Collana universitaria fondata nel 1939, bilingue giapponese/italiana. Sede Tokyo.
Le università coinvolte nel progetto sono:
• International Study Institute - Tokyo, Negano, Kyoto
• Università delle Arti di Osaka
• Università Imperiale di Tokyo
• Kyoto University.
Il 5 dicembre 2020 Studio Aperto le ha dedicato un servizio, contestualmente alla mostra online Dreams Color alla quale ha preso parte l'artista Roberto Russo, capostipite del Fantasy Metropolitano.
Ha curato parte del catalogo della mostra OpenArt che si è svolta dal 20 al 23 gennaio 2021 presso la Biblioteca Angelica di Roma.
L'8 aprile 2021 ha conseguito il Master in Arte e Nuove tecnologie presso l'Università degli studi di Roma "Tor Vergata", con la votazione di 110 e lode.